Il tendone letterario

Alberto Zuccalà

Il primo banco nel primo giorno di scuola

Il primo banco nel primo giorno di scuola

Il primo giorno di scuola lo ricordo per la corsa al banco, che quando dovevi essere interrogato le congiunzioni astrali non erano mai sufficienti a salvarti la pelle e quello più nascosto, o scomodo agli occhi dei professori, era senza dubbio un vantaggio in più. Alcuni insegnanti seguivano l’ordine alfabetico, altri sceglievano il malcapitato affidandosi alla sorte suggerita dagli angoli delle pagine di un libro: “E’ uscita la numero 172. Quindi: uno più sette, otto, più due, dieci. Chi è il decimo dell’elenco?”. Ma al di là di questi metodi che non lasciavano troppo scampo all’interrogazione, il posto serviva eccome, anche per copiare la versione che tra le otto e le otto e dieci del mattino sbucava come un oroscopo sulla giornata.

La scena più bella di questa disciplina de “la corsa al banco”, la vidi durante il quarto anno del liceo.

Si ritrovarono sulla porta d’ingresso Marialuisa e Michele. Lui aveva la gamba ingessata e le stampelle, andava a rilento. Lei lo raggiunse e per l’imbarazzo non iniziò a correre, non sarebbe stato sportivo. Allora accellerò il passo con discrezione. Michele se ne accorse e incalzò sulle stampelle. Tra i due iniziò una gara che li mantenne alla stessa velocità per alcuni metri e nessuno riusciva a sorpassare l’altro. Era un equilibrio curioso, insolito. L’immagine di un primo concorso. Che poi la parola “concorso” non significa appunto correre insieme?.

Finì che sedettero ai primi banchi. Gli unici due, accanto, rimasti ancora liberi.

 

Alberto Zuccalà

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti
Mostra più commenti

Alberto Zuccalà

Medico, scrittore, disegnatore, blogger. Autore de “La voce della vita” (Manni) e “La Fede è…?” (Elledici). Ha ideato le “Graforecensioni”: inviti alla lettura attraverso disegni a tema con la trama o il titolo di un libro. Ha curato le illustrazioni per alcuni editori e disegnato per importanti Onlus impegnate in ambito nazionale ed internazionale. Collabora con vari autori nel campo della musica, e coordina “Il tendone”, un blog “a più mani” dedicato gratuitamente a quanti hanno un progetto e abbiano voglia di farlo conoscere.

Utenti online